THE BERLUSCLOWN SHOW

11 a 2

Ieri sera Berlusconi è apparso a sorpresa a Ballarò per confrontarsi assieme al ministro Alemanno con D’Alema e Rutelli…e ne è uscito con le ossa rotte.
Ovvero come ne sarebbe uscito già da parecchio, se avesse avuto il coraggio di affrontare apertamente i propri avversari dell’opposizione…
Devo confessare che mi sono divertita un mondo a vedere il suo sorriso porcellanato spegnersi mentre veniva incalzato dal fuoco di fila di domande imbarazzanti.
Forse il premier era troppo abituato ai monologhi presso il suo maggiordomo-Vespa, all’adorazione incondizionata del Fido Emilio, o alla pace conferita dall’epurazione televisiva di alcuni personaggi scomodi (giornalisti e comici) che quei circa nove anni – dico, NOVE – di ruggine in materia di dibattiti e confronti diretti si sono fatti sentire tutti dal primo all’ultimo.
Ci voleva proprio un bell’11 a 2 per costringerlo ad esporsi in prima persona senza mandare avanti uno dei suoi colonnelli…

Non senza un immane sforzo per il proprio ego recalcitrante, il Silvio è riuscito addirittura ad ammettere l’ovvio (il che per uno come lui è già un bel risultato) ovvero la pesante sconfitta elettorale. Non facciamo caso al fatto che tutto il paese ne era già accorto….
Comunque sia, alla fine della fiera, di dimissioni non se ne parla neanche: il programma del suo governo non cambia di una virgola perchè ovviamente – a suo dire – se le promesse non sono state mantenute (eppure, insiste, sono state mantenute) la colpa è dei problemi ereditati dal precedente governo ulivista…
Come al solito, se qualcosa va bene è bravo lui, se qualcosa va male è colpa degli altri (anche dei suoi alleati).

Comunque ci sono stati dei momenti a dir poco esilaranti:

1)Quando a D’Alema è scappato un “mi consenta” e chiunque in studio è scoppiato a ridere

2)Quando Berlusca ha rinnegato persino l’intervista rilasciata di sua sponte ad uno sei suoi giornali (Panorama, n.d.r.) nella quale diceva che il comunismo avrebbe seminato terrore, miseria e morte qualora la sinistra fosse andata al potere. Il conduttore, Floris, gli ha offerto l’occasione di smentire e lui non l’ha fatto.

3)Quando Floris ha fatto una domanda ad Alemanno e Berlusconi l’ha fatto tacere per parlare al posto suo.

4)Quando Berlusconi ha accusato la RAI di essere dalla parte della Sinistra e che le sue televisioni giammai sarebbero così faziose!!!

5)Quando ha detto che il TG di Emilio Fede in fondo non lo guarda nessuno.

In estrema sintesi, significa che dovremmo aspettarci un anno di campagne elettorali all’ultimo sangue e che, soprattutto, il Polo vedrà di correre ai ripari non governando meglio ma cambiando le regole del gioco prima di perdere di nuovo (legge elettorale, par condicio, modifiche alla Costituzione, ecc…), come ha sottolineato anche un D’Alema molto divertito dalle arrampicate sui vetri del premier.

Questa mattina, un incontro tra i leader della Casa delle libertà per tastare il polso alla maggioranza, ha sancito la ripartenza della Destra all’indomani della sconfitta e dell’exploit disastroso di Berlusconi in TV.
Maurizio Gasparri, invece di tacere, per una volta, ha lodato il coraggio del premier…
Perchè, ci vuole coraggio per fare il proprio dovere?
Ci vuole coraggio per assumersi la responsabilità di una sconfitta (cosa che Fini, ad esempio, ha saputo fare meglio)?
Ci vuole coraggio per dibattere con gli avversari politici?
Evidentemente si…Tutti i confronti ed il pluralismo che in un paese libero e civile dovrebbero essere dati per scontati, qui sembrano l’eccezione che conferma la triste regola dell’era berlusconiana…

Il commento del direttore generale della Rai, Flavio Cattaneo alla fine è stato: “I risultati della trasmissione di ieri dimostrano che il pubblico, comunque la si pensi, apprezza il confronto”.

La verità è che c’è stato un pacco di italiani – me compresa – che non vedeva l’ora di vedere Berlusconi sulla graticola.
Spero solo che la Sinistra rimanga coesa e ne tragga il massimo profitto.
Bisognerà anche vedere se Udc e An andranno a chiedere il conto e se Il Silvio deciderà di correre da solo…
Stiamo a vedere.

Mi auguro solo che sia iniziata un’era migliore.

P.S.: Ora sono solo preoccupata per Floris.
Fossi in lui starei già rileggendo il mio contratto con un bravo avvocato…Il Premier l’ha segnato dicendo “lei è bravo ma è un po’ fazioso”.
Se il premier fa un’altra gitarella in Bulgaria, il nostro Floris rischia di andare a fare compagnia ad altri bravi ma faziosi come lui: Biagi, Santoro e compagni bella…

THE BERLUSCLOWN SHOWultima modifica: 2005-04-06T18:08:23+02:00da the.morrigan
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “THE BERLUSCLOWN SHOW

  1. eh, morrigan, che pretendi..? pretendi che Berlusconi sappia parlare di politica? prima di parlare di certe cose bisognerebbe conoscerle, non credi? cmq i momenti esilaranti che hai citato hanno fatto ridere anche e ieri sera. E quando ha definito Fede un EROE SU UN ISOLA DESERTA? Ti Saluto y hasta pronto, 7_7

  2. cavolo sei stata precisa e puntuale, pareva d’essere ancora lì a vedere quello che ho visto ieri sera, comodamente seduta sul mio tronfissimo trono, a vedere il berlusca sullo spiedo della sconfitta… teniamo le dita incrociate fino a 2006! LRP

Lascia un commento