Berluscogenesi (1 di 3)

In principio Berlusconi creò un’azienda.
Ora l’azienda era piccola ma operosa e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito del Cavaliere aleggiava sulle acque.

E il Cavaliere disse: «Sia la televisione!». E la televisione fu.
Il Cavaliere vide che la televisione era cosa buona e separò la Fininvest dalle RAI e chiamò la luce Fininvest e le tenebre RAI. E fu sera e fu mattina: primo giorno.

E il Cavaliere disse: «Sia il firmamento in mezzo alle cattive acque per separare i conti bianchi dai conti neri».
E il Cavaliere fece il firmamento e separò le acque per il lavaggio del denaro sporco, dalle acque che servono per il risciacquo. E così avvenne.
E il Cavaliere chiamò il firmamento cielo ma dopo aver chiamato certi “amici”.
E fu sera e fu mattina: secondo giorno.

E il Cavaliere disse: «Le aziende che sono sotto indagine, si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto». E così avvenne. il Cavaliere chiamò l’asciutto “isole Cayman” e quelli che lo indagavano “poveri fessi”.
E il Cavaliere vide che era cosa buona.
E il Cavaliere disse: «che Arcore produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie». E così avvenne: Silvio produsse Piersilvio, Marina e altra progenie, intestò loro un bel po’ di roba per via delle tasse, ciascuna secondo la propria specie, e si circondò di altri inquisiti che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie, per il bene di Arcore. E il Cavaliere vide che era cosa buona e giusta.E fu sera e fu mattina: terzo giorno.

(SEGUE…)

Berluscogenesi (1 di 3)ultima modifica: 2005-04-29T17:02:08+02:00da the.morrigan
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento